COME SCEGLIERE L’AVVOLGIPALLET GIUSTO, SALVANDO LA SCHIENA DI PROPRI ADDETI? MEGLIO ROBOTO O FISSO CON TAVOLA ROTANTE?

COME SCEGLIERE L’AVVOLGIPALLET  GIUSTO, SALVANDO LA SCHIENA DI PROPRI ADDETI? MEGLIO ROBOTO O FISSO CON TAVOLA ROTANTE?

Questo articolo è utile a tutte le aziende che hanno necessita di avvolgere molti pallet al giorno.

Parliamo delle varie   tipologie di avvolgipallet:

postazione fissa con tavola rotante (tavola aperta o chiusa)

postazione fissa con braccio rotante.

robot avvolgipallet.

Quale scegliere? Come capire quale avvolgipallet è adatto alle vostre esigenze?

Perché scegliere l’avvolgipallet con  tavola rotante?

Sono diversi i motivi per scegliere questa tipologia di avvolgipallet, valutiamo insieme i pro ed i contro. Se si dispone in magazzino di u area dedicata all’imballaggio, se i bancali sono ben uniformi e pesano meno di 20 qli allora la tavola rotante è l’ideale.

In base alla tipologia di carrello che si usa per caricare i bancali si decide quale tipo di tavola rotante utilizzare, se si lavora prettamente con il carrello elevatore uomo a bordo, va bene la tavola rotante chiusa.

L’ avvolgipallet con tavola rotante chiusa può essere caricato da più lati, può essere posizionato su di un a struttura creata apposta o può essere infossato a  linea di pavimento. L’avvolgipallet con tavola rotante sagomata è l’ideale se all’interno del magazzino la merce viene movimentata soprattutto con transpallet manuali od elettrici. Questa tavola può essere caricata da un solo lato, lo stesso viene deciso in fase di installazione.

Quando i bancali da avvolgere sono troppo grandi, fuori misura, instabili o pesano più di 20qli allora è meglio optare per un avvolgipallet con braccio rotante, anchésso in postazione fissa.

Quando scegliere il robot avvolgipallet?

Il robot avvolgipallet è l’ideale quando in azienda si ha poco spazio e non si dispone di un’area dedicata all’imballaggio, allorché non sara il bancale ad essere portato all’area imballo ma sarà l’aavvolgipallet a spostarsi verso il bancale. Si utilizza il robot quando i bancali sono troppo pesanti e fori misura, inoltre il robot può essere utilizzato anche all’aperto nel caso in cui il magazzino sia saturo.

Normalmente le macchine avvolgipallet sono dotate di sensori in grado di riconoscere le misure del pallet, soprattutto l’altezza, sono dotate di una dinamo per regolare la tensione del film, di un meccanismo di prestiraggio  e di sistema di taglio finale. Non  richiedono particolare  manutenzione se non la lubrificazione periodica delle ralle.

Se avete necessita e consulenza, il nostro tecnico può eseguire un sopralluogo presso la vostra sede per analizzare il processo di lavoro e le strumentazioni che già utilizzate, questo per consigliarvi la macchina ideale, successivamente in fase di acquisto eseguiamo l’installazione, il collaudo e la formazione agli addetti che dovranno utilizzare la  macchina.

DUE SEMPLICI ACCORGIMENTI PER NON FARSI RUBARE IL TRANSPALLET SOTTO IL NASO E RENDERE LA TUA AZIENDA RICONOSCIBILE.

Non è un argomento facile da trattare, è una di quelle cose che tutti sanno ma di cui nessuno prende posizione apertamente. La prima cosa che sparisce in un magazzino è il transpallet!

Ci vogliono pochi secondi a caricarlo sul camion per farlo sparire.

Quando anni fa facevo il magazziniere presso una nota azienda di carrelli elevatori, mi capitava spesso di assistere a scene assurde, transpallet che sparivano nel nulla, oppure nascosti in zone d’ombra.

Nonostante il prezzo dei transpallet si sia notevolmente abbassato negli ultimi sei anni, resta un attrezzo da lavoro prezioso andando letteralmente a ruba.

Trasportatori e corrieri hanno bisogno di transpallet come il pane, per loro è il principale attrezzo da lavoro, per loro i transpallet sono come la chitarra per un musicista, la cazzuola per il muratore.

Spesso può capitare che nella confusione qualcuno sparisca e quando sono tutti dello stesso colore è difficile riconoscerli al volo, gli adesivi possono essere facilmente rimossi e matricole eliminate, è una cosa che non dovrebbe mai accadere ma purtroppo la realtà è diversa.

Volenti o nolenti bisogna fare qualcosa per arginare questo brutto vizio; esistono due semplici soluzioni, alla portata di tutti, una economica e l’altra più costosa che possono mettere fine alla sparizione dei transpallet:

  • Se non hai budget e non sei interessato all’immagine coordinata dell’azienda puoi semplicemente acquistare una bomboletta spray ed un cartone. Incidi il nome della tua azienda sul cartone e con un taglierino rimuovi le lettere, il principio è lo stesso dello stencil, colora le lettere e personalizza il transpallet, cosi sarà facilmente riconoscibile a colpo d’occhio.
  • Se hai budget a disposizione e ci tieni all’immagine coordinata della tua azienda, puoi ordinare presso di noi i transpallet con un colore personalizzato, pagando una maggiorazione, quel colore unico rederà riconoscibile il transpallet  immediatamente e scoraggerà gli avventori dal toccarlo.

Molte volte quando si tratta di spendere per i propi beni personali non si bada a spese, quando i beni sono aziendali si ha la tendenza ad andare al ribasso, non sempre questa si rivela la strategia più corretta, avere carrelli e transpallet con colori personalizzati è una vera e propria operazione di marketing, l’identità della tua azienda si stamperà come un marchio a fuoco nella mente dei tuoi clienti.

Le aziende maggiorente riconoscibili sul mercato sono proprio quelle che hanno gli abiti su misura, mobili, arredi e strumentazioni con colorazioni personalizzate

Se vuoi carrelli personalizzati, contattaci per un preventivo.

Usi film estensibile? Facciamo una prova presso la tua sede senza impegno.

Non sai bene quanto film estensibile consumi e/o quanto ne dovresti consumare in base al numero dei colli che spedisci?

film estensibile prestirato

Hai notato che quando gli addetti avvolgono i bancali la merce non è stabile come dovrebbe?

Se mi conosci bene sai già che sono uno di quelli che ha creato la sua attività partendo dal basso, da molto in basso. Quando più di 20 anni fa, facevo il magazziniere nella prima azienda in cui ho lavorato, mi sono consumato le mani a furia di imballare bancali. Se non sei pratico di imballaggio; devi  sapere che i supporti in plastica per utilizzare le bobine  di film estensibile  si rompono sempre ed alla fine sei obbligato a consumarti i polpastrelli ( io non li ho più). Inoltre con il tempo impari qualcosa sul film estensibile e sui micron che ti hanno venduto, ma spesso non si ha chiaro in mente il perché sul mercato si trovino determinati spessori.

Girando per le aziende italiane mi sono reso conto che molto spesso si utilizzano pellicole  e  film a casaccio, senza sapere perché, non sto parlando solo di piccole aziende.

Ultimamente mi sono trovato presso un grande produttore di vernici; questa azienda impila barattoli di vernice e li imballa. Subito ci siamo resi conto che utilizzavano un film troppo elastico, che gli operatori non riuscivano a stirare, tutto ciò comportava il disfacimento del bancale. Immagina un bancale cosi pesante che trasportato da un tir , subisce scossoni e colpi, il film cede ed il bancale si disfa! Riesci a visualizzare  bene la scena?

Non riuscivo a credere che un’azienda di tali dimensioni avesse commesso un errore tanto grave. Ho capito che semplicemente non sapevano come trovare una soluzione, allora ci siamo recati presso la loro sede centrale ed abbiamo fatto una prova comparativa, risultato ? hanno iniziato ad acquistare bancali di film estensibile da noi e non si sono più trovati in situazioni spiacevoli.

Ecco la proposta che ho fatto loro, ed è anche quella che propongo a te:

Sono a chiederti la possibilità di fissare un appuntamento  presso la tua azienda , per presentarti con una prova gratuita e senza impegno una novità che ti farà risparmiare sul costo dell’imballo.

I ns.  FILM ESTENSIBILI  PER IMBALLO PRESTIRATI  A BASSO SPESSORE (7- 8 -10 -12 micron)garantiscono risparmi interessanti rispetto ai Film estensibili tradizionali 23 my .  Sono  film prodotti per l’uso manuale e automatico nei colori: trasparente, azzurro e nero.


-Dal punto di vista economico ci sono forti risparmi dovuti al costo al  metro, inferiore rispetto al classico ( se ci pensa si compra il film standard a bobina o a kg, ma sui pallet si mettono metri…)


Mediamente si hanno risparmi del 20%. I nostri film sono certificati per uso alimentare.


Abbiamo messo a punto una NUOVA MESCOLA di FILM che va a sostituire il classico 23my come tenuta e resistenza sul bancale; si tratta di UN FILM 7 STRATI CON TRIPLO BORDO RINFORZATO, nella versione MANUALE ed  AUTOMATICO.

Se la proposta ti interessa contattaci a questo link

9 BUONI MOTIVI PER INSTALLARE CANCELLI BASCULANTI AL TUO SOPPALCO INDUSTRIALE

9 BUONI MOTIVI PER INSTALLARE CANCELLI BASCULANTI AL  TUO SOPPALCO  INDUSTRIALE

 

Come molti sanno ho iniziato a muovere i primi passi in questo settore partendo come magazziniere e manager in un’azienda che operava nel settore dei carrelli elevatori e delle forniture di attrezzature per la logistica di magazzino, ne è passata di acqua sotto i ponti da allora, tutto è cresciuto e si allargato, sia la mia azienda che il mio girovita.

Battute a parte, da allora giro per le aziende di tutta Italia ed ho visto ogni sorta di installazione. Soppalchi ed uffici soppalcati, il soppalco è la migliore risorsa che si possa avere per ottimizzare al massimo gli spazi aziendali.

Quando lavoravo alla gce, tutto il piano uffici era realizzato con  un soppalco, a quei tempi gestivo il magazzino e la manutenzione, oggi la mia azienda produce anche soppalchi ed è proprietaria del “soppalco prefabbricato Stayup” e fa parte di una famiglia di aziende che produce in maniera diretta.

Nonostante il fatto che i soppalchi siano molto diffusi; non sono altrettanto diffuse le barriere basculanti.

Chi mi conosce sa che non mi piace che i miei clienti rimangano indietro in merito a innovazione e ottimizzazione.

In molte aziende si opera ancora tramite i cancelli, i quali rallentano molto, sono insicuri e nel momento di apertura sono in violazione delle norme.

Le barriere o cancelli basculanti sono la soluzione logica, moderna e veloce che tutti dovrebbero utilizzare, tramite i due parapetti mobili, una porzione di soppalco  è sempre protetta.

Se  nella tua azienda lavori con soppalchi e carrelli elevatori devi assolutamente le metterti in moto per modernizzare il soppalco, ecco 10 validi motivi.

  • La posa in opera ed installazione deve essere effettuata da persone qualificate ma, è semplice e veloce.
  • Esteticamente sono piacevoli e creano un effetto magazzino futuristico alla Amazon.
  • Velocità di apertura e chiusura nettamente superiore al cancelletto.
  • E’ a tutti gli effetti un parapetto di classe A secondo la EN 13374, di conseguenza resistente a urti accidentali.
  • Non ci sono particolari conoscenze tecniche da avere nell’uso della barriera.
  • Le statistiche le indicano nettamente più superiori al cancelli.
  • Non richiede particolari controlli, se non il controllo periodico di fissaggio.
  • Le barriere basculanti sono garantite.
  • Quando si usano i cancelli, nel momento dell’apertura degli stessi, si è in violazione delle norme, invece con la barriera o cancello basculante non si è mai in violazione della norma perché una zona di protezione è sempre attiva, uno dei due parapetti è sempre abbassato.

Quello che vedi in  foto è prodotto da noi, disegnato dal nostro ingegnere, lo stesso da cui ti faro seguire se decidi di contattarmi per un preventivo ed un sopralluogo senza impegno.

Il nostro team è composto da veri professionisti, ti seguiranno in maniera personalizzata e saranno in grado di trasformare il tuo vecchio magazzino in uno strumento efficiente ed  ottimizzato, ma andare oltre con le parole è inutile, contattaci e mettici alla prova, amiamo le sfide.

contattaci per un preventivo

Come scegliere un transpallet manuale, elettrico con bilancia

Come scegliere un transpallet manuale, elettrico o con bilancia

Che cos’è un transpallet? un transpallet è uno strumento utilizzato per la movimentazione dei pallet all’interno di un magazzino, il transpallet può essere manuale, semi elettrico, oppure elettrico ed è adatto a tutti i tipi di movimentazione, le forche sono la parte principale del transpallet e ne determinano la caratteristica fondamentale perché in base alla lunghezza si può decidere quale pallet spostare. Il transpallet standard mediamente alle forche da 1150 mm, essenzialmente serve per spostare la merce da un punto ad un altro punto di un piano orizzontale all’interno di una di un magazzino, la pavimentazione deve essere liscia. Il transpallet È davvero uno strumento essenziale per un’azienda perché previene previene dagli infortuni e ed è anche un investimento che aumenta la produttività e riduce i tempi di stoccaggio della merce.

Le varie tipologie di transpallet: il transpallet elettrico funziona con le batterie ed è dotato di carica batterie alimentazione elettrica, è adatto alle aziende, ai magazzini che anno intensi flussi di lavoro velocizzando e aumentando la produttività notevolmente, per caricare e scaricare camion, ribalte, e via dicendo. Il transpallet semi elettrico è una via di mezzo, spesso il sollevamento è manuale, la spinta elettrica e serve come strumento di assistenza per l’operatore, adatto anche a camionisti. Il transpallet manuale invece viene utilizzato normalmente nelle piccole medie imprese per movimentare la merce e spostare, poi abbiamo il transpallet con bilancia che è dotato di un sistema di pesatura integrato, possiede delle Celle di carico posizionate sotto la forca e la bilancia è estremamente precisa, dotato di batterie e di cariche batterie, il livello di precisione della bilancia e dato dalla livello di professionalità dello strumento che stiamo utilizzando.

Il modo migliore per scegliere un transpallet e partire dalla mole di lavoro ed alle dimensioni dell’azienda e rispondere alle seguenti domande:

Quante ore lavorerà durante il  giorno il transpallet?

Quanti sono i turni di lavoro?

Quante ore sono lunghi turni di lavoro?

Quanto pesano i bancali che bisogna spostare?

Che dimensioni hanno i bancali che bisogna spostare?
Rispondendo a tutte queste domande avremo un quadro preciso della macchina che ci serve, se lavoriamo nel settore ortofrutticolo ad esempio, ed abbiamo bisogno di movimentare bancali molto larghi ci indirizzeremo su un transpallet con la base da 680, quindi più largo rispetto al normale. Se lavoriamo in una logistica avremmo bisogno sicuramente di un transpallet elettrico dotato di pedana. Se abbiamo un piccolo magazzino e spostiamo poche volte al giorno la merce possiamo optare per un semi elettrico od un transpallet manuale.

Origine dei transpallet nel mondo:
Il 90% dei transpallet distribuiti e prodotti in tutto il mondo Oggi giorno, quasi sempre provengono dalla Cina o dai Paesi asiatici, le grandi multinazionali hanno trasferito il loro know-how e le aziende cinesi hanno imparato a produrre prodotti di alta qualità, molto spesso questi prodotti vengono brandizzati dalle multinazionali ed in base alla loro nazione di origine ne dichiarano la provenienza. Tutti questi prodotti sono regolarmente certificati CE perché le aziende hanno imparato a produrre prodotti di qualità che rispettino le normative europee.

Norme di sicurezza:
Tutte le attrezzature di lavoro presenti in un magazzino devono attenersi alle norme relative alla legge 626 sulla sicurezza del lavoro. In generale i carrelli e di transpallet devono essere utilizzati in Piano, quindi non devono essere utilizzati su di una salita o su di una discesa, non si deve salire sulle forche, non deve essere utilizzato come uno strumento giocattolo, non si deve correre, non si deve utilizzare il carrello come un ariete, sono tutte banalità ma è importante formare gli addetti che lavorano all’interno del magazzino che spesso confondono queste attrezzature per dei giocattoli, il carico deve essere posizionato in maniera omogenea sulle forche onde evitare che si sbilanci, quindi non mettere soltanto le punte sotto pressione o soltanto una forca sotto pressione, questo manda fuori squadra l’intera struttura e rischia di danneggiare gravemente il transpallet.